Crea sito

 logo di trieste

Creative Commons License
triestestoria.altervista® is licensed under aCreative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License

 

torrenti - rii - patok

 

e' credenza comune che la città' sia povera di torrenti e rii, ma non e' assolutamente vero, voi non li vedete, ce ne sono moltissimi, ma sono stati tutti intubati dalle aziende municipalizzate ed usati come fognature, dando un tremendo colpo alle biodiversita' che ci vivevano, flora e fauna che vi prosperavano si sono cosi' persi .... ma adesso avete la fogna, non siete contenti ?
e non parliamo della manutenzione, tra i mille scaricabarile della politica, il menefreghismo degli addetti, l'assenteismo dei controllori ecc ...

alcune immagini sono ridimensionate, premete sopra

 

 

KLUCH - KLUTSC

torrenti trieste

Grande confusione sul nome e sull'esatto posizionamento, alcuni vogliono sia quello che scende dalla valle di Longera, in via Giulia ecc..., ma nelle mappe catastali (vd. archivio di stato), quello è segnato come lo Staribreck. Anche alcuni storici, si sono sbagliati con la denominazione, infatti anche nei doc. comunali, la cosa non è certo chiara, le singole mappe poi aumentano la confusione, io prenderò per buona la dicitura delle mappe in archivio diplomatico :

è quella parte di torrente, che fu detto Grande, che dalla via (ex del torrente) oggi Carducci, da circa i portici di Chiozza, che è punto d'incontro del 7 fontane e dello Starebrek, scende poi sotto la via e scorre sotto le case tra la via Geppa e Ghega, furono infatti costruite sopra il letto del fiume, e poco dopo l'incrocio con la via oggi Trento, sboccava in mare

 

4/7/1838- il Consiglio discute sulla copertura del torrente Klutsch c/o la barriera vecchia [PP]
10/7/1838- Gius. Foith paga il permesso per fabbricare nell’alveo del torrente Klutsch - Pasquale Morgante chiede di poter fabbricare nell’alveo del torrente Klutsch [PP] - (sono le case che dividono la via Geppa dalla Ghega) 

2017 - si aprono improvvise voragini sulla via Carducci a causa di crolli della volta che copre il torrente, la totale mancanza di manutenzione e la continua marcia di autobus ha minato l'arcata, che ha ceduto in più punti. E pensare che a suo tempo, si era parlato di riaprire in qualche punto, la copertura di alcuni rii cittadini

ROSANDRA

in verità non è il vero nome, anticamente si chiamava semplicemente Rosanda, sotto vi riporto i doc. in cui viene citato, nel tardo '700 diventa Lusandra (nome che si ritrova ancora su certe mappe del 1900) e solo nel 1800 si trasforma in Rosandra, la valle che noi chiamiamo con questo nome per 1800 anni si chiamò valle di Moccò

- nel medioevo, era navigabile !!

torrenti trieste

 

7/2/1334 - in c. Rosande [V. 11]
14/4/1336 - campo in c. Zaule che sotto confina con Aque Rosande [V. 13]
9/12/1347 - saline a lato del acqua che si dice Rosanda [V. 16]
8/7/1365 -...Roianda .. [V. 22]

ap. 1426- posta una trave alla Rossanda [L/C]
8/8/1446 - in c. Zaulis in flumine Rosande [B/M 11]
3/11/1470 - fondamento saline in c. Zaule presso il fiume Rosande [testamento di Francesco de Argento-4A doc. 85]
12/12/1488 - vd. accusa di aver tagliato legna e portata con la barca super Rosanda [B/M 13 - alfaE1]

25/5/1512 - Cigotis, Natale fà testamento; al figlio Nicolo lascia le saline a Zaule (c/o rivo Rosande) [V. 51]
13/1/1541 - in c. Zaulis jux magni flumen [B/M 21]
1565- paga a Polo de Bratez .... per haver netado il fiume della Rosanda qual dannegiava per la montana le saline di messer Tullio Callo ... £ 1 ss 16 [L/C]
1575- ...per aver cavat° lo rivo della Rosanda £ 42 -.... veder lo danno della Rosanda ...[L/C]
1576- ..s.re giudice Zurine, et provisor Argento con altrj cittadinj et marinaj andorno in Zaule alla Rosanda a veder li confini, et far per veder a piu imminente ruina della Rosanda [L/C]
1576 - ....... per li palli n° 400/ ....... per la Rosanda - a messer Andrea Chaunig ... per aver conzado la Rosanda ...[L/C]
1577-... per diverse spese fatte quando li s.ri andoreno a veder in Zaule aveder la deferencia della Rosanda tra la mag.ca Comunita et lo Cl.mo s.or conte Jer.mo della Torre £ 54 ss 15 [L/C]
1578 - paga a Josepho Muliza per pallj 60* porto dal Friul per conzar la Rosanda £ 3 [L/C]
1579 - Il Senato di Venezia, ordina al Podestà di Capodistria, di andare segretamente alla foce del torrente Rosanda e distruggere le saline nuove dei triestini [Senato Mixti-vol 82]
1581- per spesa fatta per andar sop.a il fiume della Rossanda .... £ 11 ss 4 [L/C]
1583- 23 mar) a ser Jacho Chichio per andar alla Rosanda con li S.ri Judici con la barcha ... £ 4 ss 10 [L/C]
1587- paga .. a messer Nicolo Tiepol e compagni per aver vogado lj .... in Zaule a veder la Rosanda e confini £ 10 [L/C]
1588-.. a veder la Rosanda...[L/C]

1612 - al s.r Gabriel Marenso per far netar la Rosanda [L/C]

 trieste rosandra
1626 - torrente detto Rosanda [Codice Piccardi]

30/1/1663 - il torrente detto Rossanda ...esondato {Beni del Comune - beta A 17]
7/8/1668 - la Rosanda nonostante i ripari fatti, esonda ancora [Liber Consiliorum - v. XV ]
10/8/1668 - esondazione del Rosanda... durante la pioggia cadeva in una fossa o foiba nella campagna di Verpolia, poi dopo la chiusura del buco, l’acqua inonda la valle di Draga e quella di Butaz e Bollunez, da trovare rimedi.. [libri dei Consigli -v. XV]
17/8/1668 - sulle rebotte ai villici per le opere sul fiume : nella relazione del barigello, le donne si oppongono con i sassi- ai trasgressori pena 2 marche e 3 scassi di corda
18/8/1668 : memoriale dei villici contro le rebotte
9/2/1669 - danni della Rosanda
30/3/1669 - sulle rebotte1 a quelli di Contovello, Prosecho, s. Croce, per la Rosanda (il comune chiede con tassazione o lavori gratuiti di aiuto nei lavori di argine al torrente che puntualmente esondava allagando tutta la valle, ma i villici delle zone alte si rifiutano)
nel 1706 sono ancora presenti le rebotte

3/9/1723 - nota spese e escavazione della Rossanda : riparazione della muraglia e degli argini [L/C]
6/6/1724 - si ritorna a lavorare alla Rosanda : il lavoro precedente era stato fatto male [L/C]
1/11/1768 - n° 60-nota 5 = ..riparazioni presso i torrenti della Rosandra in Zaule escavazione del canale delle Saline [PPE]
5/12/1776 - editto per la costruzione di 3 ponti in pietra sulla strada per Zaule; 1°sopra il fiume Lusandra - 2° sulla roja dei Mulini - 3° sopra il torrente Quard dirimpetto alla muda, detta Zolla [fabbriche pubbliche e private 16A3/3]
23/1/1779 = ricorso dell’oste alla Rossandra per l’erzione osteria (vd. 183) - Giacomo Catich, su erezione osteria su fondo pubblico presso Rosandra [Protocollo Pubblico Politico]
1784 - Giacomo Catich paga affitto per pezzo fondo vicino la Rosandra per fare casetta per tenere osteria [22B7]
1795 - pulitura del torrente Lusandra [Protocollo economico n° 25/n° 720]

1 - rebotte = lavoro (per il bene pubblico) a titolo gratuito

 trieste 1818 rosandra torrenti trieste
1818 - torrente Lisandro [mappa catastale 672B 01]1825 - Lussandra [archivio di stato]

 

1832 - torrente Rosandra [19A25-Urbario- urb. 99 s. Maria Maddalena inferiore]

 trieste 1897 rosandra
1879 - ordinanze dell'impero : ...ruscello Rossanda

 

torrenti trieste
2012 - la protezione civile ?, così si fà chiamare, compie uno scempio allucinante sulle rive del torrente, un disboscamento scellerato, spacciato poi per "pulizia", il legname scompare, pare in Friuli, da dove giungevano gli stessi operatori. Associazioni e cittadini indignati, denunciano il fatto, ne nascera' un incriminazione che finisce in tribunale, i colpevoli saranno condannati, ma a lievi condanne

 

7 FONTANE

altra balla spaventosa, i testi dicono che fù un errore di trascrizione a dare il nome di sette, trasformando un sex in sett, mai sentita cosa più assurda ! certo che a leggere i testi originali, se ne scoprono di belle ... allora ecco in realtà come stà la cosa : il nome già testato nel 1300, si modifica nel tempo, diventerà 6 fontane e poi 5 fonti, e anche 4, è ipotizzabile che il toponimo derivi dal numero delle fonti che lo rifornivano, e man mano che ne perdesse una o che si prosciugasse, il suo nome venisse modificato. Il torrente per un tratto è ancora visibile anche se mal ridotto, consigliabile una passeggiata lungo il suo corso prima che venga definitivamente fatto sparire, accesso da un sentiero a lato del Quadrilatero di Rozzol Melara : v. Forlanini-v. Mandrieri - v. Parin - dopo il n° 24, piazzale, sentiero, sulla str. a ds. altro sentiero, lungo il torrente fino a ponte di Cattinara - il torrente dà anche il nome ad una contrada, da ciò rilevo i cambiamenti, in quanto come torrente non è mai preso in considerazione (vd. toponomastica > S)
il torrente è un affluente dello Starebrek, e insieme del Klutsc

 

1/12/1540 – gli estimatori comunali circa il “rivolo” esistente in contrada 6 fontane [Vicedomini 61]

 

1934 - imponenti lavori di demolizione di interi agglomerati di case e trasformazione dell'asse viaria, nella foto durante i lavori viene alla luce la copertura del torrente 7 fontane - nell'altra foto, si apre un varco per pulire dai detriti l'alveo del torrente

 1934 7fontane

 1934 7fontane

 

11/9/2013 - dopo incessanti piogge il torrente settefontane esonda nella zona di via Cumano (vd. foto e articolo)

PONDARES

torrente che scorre nascosto sotto il sottosuolo, anticamente era all'aperto, c'erano dei mulini ad acqua, scendeva per l'omonima via e si congiungeva con gli altri nella valle di Cadin, oggi Chiadino, scorreva poi nell'odierno Corso e lambiva le alte mura della città antica , un ponte levatoio congiungeva le rive alla porta di Donota, altro a quella di Riborgo, e scorreva nel fossato (oggi galleria Protti) sino al mare - vd. pg. "toponomastica" alla voce
interessante la voce che vorrebbe il toponimo derivante da : ponte degli heredi, purtroppo questa dicitura nei vari doc. non l'ho mai trovata, ma è assolutamente da prendere in considerazione.

9/12/1351 – a 10 operai che lavorarono al rivo Pondaresi [L/C]

1598- .. per cavar il rivo de Pondares .... e voltar l’aqua nel suo letto £ 15 : 9 [L/C]

10/10/1688- alle 10 del mattino l’incessante pioggia porta via il ponte da poco eretto sul Pondares e rovina le campagne circostanti, alcuni si salvarono salendo sugli alberi [Mainati]

STARIBRECK/G

torrente

denominazione dallo slavo, ad indicare : il vecchio colle, da cui dovrebbe nascere, io sarei più propenso a credere che si tratti di una delle piccole derivazioni sotterranee del Timavo, che l'alimenta, o che alimenta i suoi affluenti, visto che non è quasi mai asciutto.

scende dalla rotonda del boschetto verso la via Giulia e la via (oggi) Battisti, all'altezza dei volti di Chiozza, entra nel 7 fontane, ma su alcune mappe già Klutsc, e diventa il grande torrente che alcuni chiamano appunto Kluch. Nell'800 era tutto all'aperto, dei ponti congiugevano le 2 vie ai suoi lati, e in caso di grandi piogge, esondava, fino a che nel 1796 vennero costruite ai suoi lati le sponde in muratura, venne poi coperto e unite le due strade che diventarono la Corsia Stadion.

torrente Starebrech = 1787 muore annegato Gergich Michele [14F 7 – II°]

copertura torrenti

6/2/1847 - si inizia a coprire il torrente Klutsch [L. Kert - giornale del tempo]

30/7/1849 - coperto il Torrente c/o la casarma [L. Kert - giornale del tempo]

1859 - coperti i torrenti c/o giardino pubblico e barriera vecchia [Tribel]

giu 1930- completati i lavori di restauro della copertura del torrente tra v Zovenzoni e v Rossetti

starebrek kluch

kluch kluch
NB : come avrete notato, in altre immagini, nella galleria in cui scorre il torrente, una persona sta' comodamente in piedi, qui noterete quanto materiale sia stato trasportato nel tempo, tanto da doverlo pulire

 


alcuni torrenti sono settimanalmente controllati nel punto in cui le loro acque attraversano delle griglie di filtro, che viene pulito, avendo io stesso eseguito questo lavoro posso certificarlo, il torrentello, quasi un rigagnolo, che scende da Scorcola ha il punto di verifica all'angolo della via Coroneo alta, angolo carcere, attraverso il tombino presente al lato della strada - il torrente sotto la via Battisti, ha come punto d'ingresso un tombino al centro della via, da usare una scala per la discesa - il grande torrente che scende da Montebello, ha come punto d'ingresso un tombino quadro in L.go Barriera tra i posteggi macchina di fronte alla Coop ex cinema Alabarda, serve alta scala per scendere - altro a Rojano ha l'entrata nel giardino pubblico poco prima del benzinaio self-service attraverso un tombino - altro torrente in Bovedo ha punto d'ingresso sulla strada davanti all'ingresso del club velico di Barcola, tra i due semafori, altezza cimitero - un'altro sempre a Barcola vi si entra da un tombino quadro della pinetina - altro all'interno del porto vecchio nei pressi dell'ex fabbrica Stock - altro altezza Cedas, attraverso un tombino quadro sulla passeggiata lato mare ecc.... - l'ACEGA possiede mappe dettagliate dei vari torrenti del territorio

 pondares
ingresso al torrente in l.go barriera

 

 

ZAULE - S. M. MADDALENA - CHIARBOLA

Valze = da Coloncovez giù per v.Capodistria, parallelo alla via Baiamonti1

Strane - Srane = patoc a s. Maria Madd. - da Sraneta con desinenza -è dal part. passato passivo sran del verbo srati (cagare), dall’odore che emanava [Paolo Merkù - in s. Maria Madd. di F. Zubini]
- da Montebello : passa sotto il cimitero e sfocia c/o l’ex macello a Valmaura (da mappa del 1907)

torrente Betonsche = nasce presso Montebello, da Coloncovez alta, sotto i cimiteri affluente del Srane

Rio Primario = torrente che scende da Montebello e divide Servola da monte s. Pantaleone (vd. contrade : R > Reprimar)

Giorgis = è il 1° rivo andando a S. Anna, i terreni presso la chiesetta di s. Maria Maddalena avevano lo stesso nome, nelle parte inf. il rivo costeggiava contrada Disella e verso Servola e la contrada del Prà del Vescovo [ J. Cavalli - Comm e vita privata... ] (vd. contrade : G > Gorgis)

torrente Spini = 1810 - sboccava nelle saline sotto Servola [4L1/69]

fiume Petazzo = 1810 - sboccava nelle saline sotto Servola [4L1/69]

torrente Zaule = sfocia ad Aquilinia ricevendo il torrente Cattinara - da sotto Cattinara, è affluente del Longhera e il torrente Longhera, da Melara si getta nel Cattinara

torrente Critich = (a fianco del torrente Zaule verso v Flavia)

torrente Cobiz = affluente del torrente Zaule (a lato di b.go s. Sergio)

patok Posar = affluente del torrente Zaule

torrente Montebello = affluente del Cobiz

torrente Quart = sfocia nelle saline di Zaule

torrente delle Saline

canale che và al molino = si collega al canale delle saline e si getta ad Aquilinia

torrente strane torrente strane torrente strane
sopra il torrente Strane che scorre a lato del cimitero turco e poi sotto il cimitero cattolico

CHIADINO-ROZZOL

il torrente 7 fontane (vd)

patoc Srani - sul montebello = affluente a sin del 7 fontane [P. Merkù]

torrente della Gemaina* - da s. Luigi si getta nel Farnedo (si legge alla tedesca, Ghemaina)

torrente Clunn - scende dal Cacciatore e si getta nel 7 fontane

torrente Gherdol - scende dal Cacciatore e si getta nel 7 fontane

torrente Bonomo (a Chiadino-s. Luigi) - nel 1967 incanalato e interrato- nasce sotto Padriciano

 

S. GIOVANNI - GUARDIELLA - TIMIGNANO

torrenti trieste

torrente Scoglio = coperto nel 1841/3 (Generini) - detto anche Staribreg1 (vecchia strada ripida) coperto nel 1865 nella costruzione dalla fabbrica Dreher fino alla v. Kandler e nel 1870 fino alla rotonda del Boschetto ad opera di Francesco Stadion, appunto nome della via nata e che prima era divisa in 2 parti

Klutz o Klusc : sotto il Farnedo : scende per v. Giulia e v. Battisti per congiungersi alla v. Carducci con altro (prima parte coperta 1837 ??)- 1849/50 finito di coprire (Generini) -il 30/7 presso Casarma-il 6/2 inizio copertura (½B30) 2 scende dalla valle di Longera e riceve le acque del rio Slepp, che nasce c/o villa Revoltella, e presso la rotonda del Boschetto, diventa torrente s. Pelagio. Sotto il viale R. Sanzio, riceve a ds. il rio Brandesia e il rio Timignano, più avanti il torrente Scoglio (detto anche Staribreg vd.) [F.Zubini]- esempio di errore del Zubini sul posizionamento del Klusc

Rio Marchesetti = nasce c/o v. del Sommaco e scende sotto v. Verga [F.Zubini]- nasce c/o villa de Rin e si getta nel Farnedo

torrente Sanzulich = dal nome dei proprietari terrieri in cui scorreva - nasce tra Beatitudini e Conconello - affluente del Marchesetti che si getta nel Farnedo

torrente Guardielza = si getta nel Farnedo a sud del Marchesetti

torrente Prati e Fonda3 = da sotto cava Faccanoni - sono 3 affluenti del Farnedo


1 - torrente Staribrech - attraversa la valle presso Timignano [mappa catastale] -

2 - come già scritto, si tratta del Staribrek - all'incirca oggi l'incrocio con la strada per Longera, c'era un mulino ad acqua, ultimo rimasto di una lunga serie che scendeva sino all'inizio della via oggi Battisti - il torrente è visibile in tutta la valle di Longera, sino alle case all'inizio del boschetto, dove scompare intubato prima e sotto le arcate dopo - anche se oggi può far ridere il pensiero, ma nel 1800 vi furono persone che annegarono nel torrente- NB : il Kandler nel suo volumetto l'Istria, lamenta il nome dato a questo torrente, indicando che il nome in verita' si riferisce al nome slavo di un colle dei dintorni della citta' (1846-p.279)- vecchio colle, presso Cattinara

3 - il patok Fonda : dal nome dei proprietari terrieri in cui scorreva

torrente cilino torrente san pelagio

COLOGNA - SCORCOLA

coroneo

patoc Coroneo = nasce a Scorcola c/o castello Gairingher? (poco più di un rigagnolo, è visibile da un tombino nella via omonima, all'angolo della casa circondariale)

rio Orsenigo : scorre nella valle di Cologna

torrente Cologna : nasce sotto Conconello e taglia la curva Masè ricevendo proprio lì il torrente Metlika che arriva dalla parte dell’Università3 e scende lungo la v. Cologna

3 -  (me lo ricordo personalmente, ora coperto completamente, formava delle anse e cascatelle in fianco la via dei Baiardi, dopo la sua copertura sono scomparsi gli uccelli che vi si abbeveravano e il bosco ha iniziato a decadere, ora però ci possono costruire le case, chi l'ha capita, l'ha capita no?)

 baiardi pecenko

ROJAN - GRETTA

torrente martesin

patoc Carbonara-Martesin : dal unione dei 2 = il Carbonara nasce a Terstenico e dopo poco si unisce al Martesin - sfocia in porto vecchio e riceve
1°) il torrente Scalze (roccia = masso pietroso) - confine tra Scorcola e Roiano -
e il 2°) Rosan
e il 3°) torrente Feronlovacz che nasce sotto Conconello e si getta nel Rosan
e il 4°) patoc Rojan
e il 5°) Martesin

torrente Zuliani - nasce a Terstenico e sfocia nel porticciolo di Barcola

de S.to Pietro (Rojano) : conzado = 1585 - conzado da: strada de Gretta sino Bovetto - 1587 - conzado - 1588 (NB: a pg. 13b = vd. danni fatti dal rivo) - fatto pilon - 1591 [L/C] - vd anche contrade alla voce

..deli morari (era a Rojano) - 1574 lavori [L/C]

rio Sclaze - affluente del patok Martesin

patok Martesin : segna il confine tra Gretta e Scorcola

BARCOLA - BOVEDO

Bovedo o Boveto = oggi interrato sotto la via omonima, alimentato in alto da 3 ruscelli : il Terstize o Cersticze che scende da Terstenico forse anticamente alimentato da uno stagno che esisteva c/o le antenne radio, il Giuliani e il Conti che verso la fine aveva un mulino a 3 ruote. [F.Zubini]

potoc Giuliani = omonimo del affluente del Bovedo [F.Zubini] - sfocia a Barcola

patoc Pancerovec o rio Castisino = oggi coperto, dalla strada di Prosecco a v. del Lavareto [F.Zubini]

rio Starz = nasce nella località omonima = passa sotto il viadotto della ferrovia e sbocca interrato all’inizio della salita per Contovello [F.Zubini] - sfocia a Barcola dopo il Giuliani verso Miramare

torrenti Cedas = erano 2 (sono intubati e usati come scolo dei liquami, accesso sul lungomare sotto un ampio tombino)

GRIGNANO - MIRAMAR

Lucaviz = da Contovello a Miramare (si divide in 3 rami : 1 dietro le scuderie e 1 dietro castello? )

torrente Grignano = sfocia nella baia

 

MUGGIA

torrente Fognan = 1818 - sbocca poco prima di arrivare alla cittadina, sulla strada che giunge da Trieste (oggi Fugnan) [mappa catastale]

rio Almerigotti = sfocia nei pressi di Punta Sottile, presso il Lazzaretto

torrente Salvadego = nel 1923 delimita il confine tra i comuni di Valle Oltra e Monti [gazzetta uff. n 289]

rio di Ronchi = nasce presso s. Floriano e sfocia in mare

torrente s. Bartolomeo = nasce in localita' s. Floriano-Ligon, sfocia nei pressi del Lazzaretto poco prima del confine

torrente Pisciolon - da' il nome ad una localita' di Muggia

torrente Ospo = nasce in territorio ora sloveno, forma i laghetti delle Noghere, sfocia in zona Farnei

torrente Menariolo = nasce in Slovenia, affluente del torrente Ospo

torrente Rabuiese = nasce in Slovenia tra Plavie e Scoffie di mezzo, sfocia tra l'Ospo e Muggia

torrenti trieste    torrenti trieste


1817 - lista pubblicata dal Mainati :

torrente Scorcola ; sbocca vicino al Lazzaretto nuovo (Roiano)
torrente Scoglio detto Staribreg ; scende da s. Giovanni e si congiunge al …
torrente Klutsch ; al ponte tra il palazzo Chiozza e la casa Sinibaldi e tutti assieme formano il ….
Torrente ; che sbocca vicino allo Squero nuovo (rive)
torrente dei Spini ; che forma con il …
torrente Quart ; un ramo maggiore detto …
fiume piccolo ; che passa tra le saline di Zaule e sbocca in mare fiume Lussandra o Rosandra ; divide l’Austria dal territorio veneto (vd.)
fiume Grande ; è il canale navigabile che scorre nelle saline a Zaule
torrente Petaz ; passava nelle tenute dei conti, poi tra le saline fino al mare
rio Pondàres ; scorre sotto la via omonima
torrente Rozzol ; scendeva lungo la valle omonima

ROIANO : ci sono 4 torrenti : Roiano, Rosani, Scalze, Carbonara che a valle veniva detto Martesin – Tutti sboccavano al mare in p.zza tra i Rivi, ormai tutti sotterranei

s. ANNA ; Gorgis, Riuprimario o Rioprimario

come noterete, nella lista, sono mancanti diversi rii


1907 - ufficio tecnico comunale - elenco dei torrenti e note varie

 

mappa mappamappa

 

mappa mappa

planimetria dei torrenti coperti di Trieste

 

interessanti immagini e note sui torrenti a Trieste alla pagina >>> 

 

<<< Agenda T-X